Aprile 22, 2024

donovanrossetto.it

Il sito ufficiale del noto "The Journalist" Italiano Donovan Rossetto

Fanpage.it l’avvoltoio, già più di 50 articoli sulla morte di Silvio Berlusconi”

Silvio Berlusconi, una figura che ha dominato il panorama politico ed economico italiano per decenni, si è spento ieri. L’imprenditore, politico e magnate dei media, spesso divisivo ma inconfutabilmente influente, è morto lasciando dietro di sé un’eredità complessa e di grande rilevanza per la storia dell’Italia contemporanea.

Nonostante l’importanza indiscutibile di questa notizia, alcuni siti web sembrano aver superato il confine tra l’informazione ed il sfruttamento mediatico della morte di Berlusconi. Un esempio lampante è rappresentato dal portale di notizie Fanpage, che ha già dedicato oltre 50 articoli alla morte dell’ex Presidente del Consiglio.

Il sindacato dei giornalisti si schiera con Fanpage.it: Leso il diritto di  cronaca

Questi articoli abbracciano un’ampia varietà di argomenti, dal tributo alla vita di Berlusconi alle speculazioni sulle implicazioni politiche della sua morte, fino alle analisi del suo impatto sulla cultura italiana.

Mentre la copertura dettagliata di eventi di portata storica come la morte di una figura politica di rilievo è senza dubbio necessaria, il numero di articoli prodotti in un breve lasso di tempo solleva dubbi sull’etica di tale pratica.

Emerge un quadro di una frenetica corsa alle visualizzazioni, dove la qualità e la sensibilità dell’informazione possono essere sacrificate per incrementare il traffico al sito.

È morto Silvio Berlusconi: il leader di Forza Italia aveva 86 anni

Fanpage non è l’unico portale di notizie a cadere in questa trappola. Il fenomeno dell'”avvoltoiamento del web” – l’approfittarsi delle tragedie per guadagnare visualizzazioni – è diventato sempre più comune. Si tratta di una tendenza squallida, che sfrutta il dolore e la curiosità umana per massimizzare i profitti pubblicitari.

Questa pratica non solo sminuisce la serietà della morte di una figura pubblica, ma rappresenta anche una violazione della decenza e del rispetto che dovrebbero caratterizzare la professione giornalistica.

È quindi importante che i lettori siano consapevoli di queste strategie e prendano in considerazione la qualità e l’integrità del reportage quando scelgono dove informarsi. Nel frattempo, l’industria dei media online deve fare i conti con questi problemi etici e trovare un equilibrio tra l’informazione e lo sfruttamento delle notizie tragiche.

Dopotutto, il rispetto per la vita e la morte di un individuo dovrebbe sempre prevalere su qualsiasi tentativo di capitalizzare su queste circostanze.

Condividi la notizia!