Giugno 20, 2024

donovanrossetto.it

Il sito ufficiale del noto "The Journalist" Italiano Donovan Rossetto

Suburra Eterna Netflix è una serie di CACCA!

Suburra Eterna: Un Fallimento Narrativo e Artistico

La serie Netflix “Suburra Eterna” tenta di seguire le orme di produzioni di successo come “Gomorra” e il film originale “Suburra”, ma finisce per deludere sotto quasi tutti gli aspetti. La narrazione, incentrata su una famiglia di Sinti, non solo manca di autenticità, ma fallisce anche nel rappresentare l’etnia in modo rispettoso e credibile. Gli attori sembrano non avere alcuna connessione reale con i personaggi che interpretano, risultando in performance che oscillano tra l’esagerato e il grottesco.

Come finisce Suburra Eterna, trama, cast e cosa sappiamo sulla seconda  stagione della serie Netflix

La recitazione è forse uno degli aspetti più critici della serie. Anche con la presenza di attori riconosciuti come Giacomo Ferrara e Filippo Nigro, la maggior parte del cast offre prestazioni di basso livello, con espressioni forzate e un’accentuazione eccessiva del gergo romano. Frasi come “daje, daje, daje” vengono ripetute all’infinito, rendendo il dialogo non solo ripetitivo ma anche fastidioso.

Anche la regia lascia molto a desiderare. Nonostante qualche tentativo di creare scene visivamente accattivanti, la maggior parte della serie soffre di una mancanza di direzione chiara e di una narrazione frammentata. La trama, che non si discosta molto dalle serie precedenti, appare riciclata e priva di originalità. Non ci sono svolte significative o approfondimenti che arricchiscono la storia.

Suburræterna da oggi su Netflix: trama, orario di uscita e nuovi personaggi  dell'attesissima stagione

Le scene di sesso e di azione sono particolarmente deludenti. Sembra quasi che siano state inserite come un tentativo disperato di aggiungere piccanti, ma risultano essere mal realizzate e poco convincenti. I movimenti sono innaturali e le coreografie delle sparatorie sembrano poco realistiche, più adatte a un carnevale che a una produzione di alto livello come quella di Netflix.

Inoltre, la serie non riesce a catturare l’essenza della cultura e della vita dei Sinti, offrendo invece una rappresentazione superficiale e stereotipata. Questo non solo è un diservizio alla comunità rappresentata, ma anche un’occasione mancata di esplorare in profondità un’importante realtà sociale.

In conclusione, “Suburra Eterna” è un’opera che manca di profondità, autenticità e qualità artistica.

Nonostante gli sforzi per collegarsi alle sue controparti di successo, la serie si perde in una realizzazione superficiale, diventando un esempio di come non si dovrebbe fare televisione di qualità.

Condividi la notizia!