Luglio 25, 2024

donovanrossetto.it

Il sito ufficiale del noto "The Journalist" Italiano Donovan Rossetto

Trovate impronte umane di 90.000 anni su una spiaggia in Marocco

Sulla spiaggia di Larache, in Marocco, sono state scoperte impronte umane risalenti a 90.000 anni fa. Ecco i dettagli.

Il sentiero formato da due tracce di antiche impronte umane su una spiaggia del Marocco, si distingue come uno dei meglio conservati al mondo.

Secondo uno studio pubblicato il 23 gennaio sulla rivista Scientific Reports, i ricercatori hanno scoperto il sito delle impronte nella città portuale di Larache, vicino alla punta settentrionale dell’Africa, mentre studiavano le rocce su una spiaggia.

Tra una marea e l’altra, ho detto al mio team che dovremmo andare a nord per esplorare un’altra spiaggia“, ha detto Mouncef Sedrati, autore principale dello studio e professore associato di dinamica costiera e geomorfologia presso l’Università della Bretagna meridionale in Francia. “Siamo rimasti sorpresi nel trovare la prima impronta. All’inizio non eravamo convinti, ma poi ne abbiamo trovato altre.”

L’analisi del sito, che è l’unico conosciuto nel suo genere nell’Africa settentrionale e nel Mediterraneo meridionale, ha rivelato due tracce contenenti un totale di 85 impronte umane lasciate sulla spiaggia da un gruppo di almeno cinque esseri umani.

Datazione

Il team ha utilizzato la tecnica di datazione con luminescenza stimolata otticamente, che determina quando alcuni minerali all’interno o vicino a un manufatto sono stati esposti l’ultima volta al calore o alla luce solare.

Basandosi sull’età dei fini granelli di quarzo che costituiscono la maggior parte della sabbia sulla spiaggia, gli autori dello studio hanno stabilito che un gruppo multigenerazionale di Homo sapiens camminava sulla spiaggia circa 90.000 anni fa, creando le tracce.

L’evento ha avuto luogo durante il tardo Pleistocene, noto anche come l’ultima era glaciale, terminato circa 11.700 anni fa.

Abbiamo effettuato misurazioni sul posto per determinare la lunghezza e la profondità delle impronte“, ha spiegato Sedrati. “Sulla base della loro pressione e dimensione, siamo stati in grado di determinare l’età approssimativa degli individui, che includevano bambini, adolescenti e adulti.”

Secondo lo studio, i ricercatori attribuiscono l’eccellente conservazione delle impronte antiche a diversi fattori, tra cui il design della spiaggia e la portata delle maree per “la massima conservazione delle tracce”.

Ciò che è eccezionale, è la posizione della spiaggia su una piattaforma rocciosa ricoperta da sedimenti argillosi”, ha sottolineato Sedrati.

Questi sedimenti hanno creato buone condizioni per preservare le impronte sul banco di sabbia, mentre le maree seppellivano rapidamente la spiaggia. “Ecco perché sono così ben conservate”.

Tuttavia, i ricercatori non sono sicuri di cosa stesse facendo il gruppo dell’era glaciale sulla spiaggia, e future analisi del sito potrebbero rivelare tali informazioni. Ma dovranno agire rapidamente, poiché “il continuo crollo della piattaforma rocciosa potrebbe portare alla sua scomparsa, comprese le impronte conservate su di essa”, ha scritto il team nello studio.

Speriamo di conoscere la storia completa di questo gruppo di umani e cosa stavano facendo lì“, ha concluso Sedrati.

Qua sotto vi lasciamo alcuni articoli che potrebbero interessarvi.

Condividi la notizia!