Aprile 25, 2024

donovanrossetto.it

Il sito ufficiale del noto "The Journalist" Italiano Donovan Rossetto

Google elimina spam e intelligenza artificiale nei risultati di ricerca

Google sta introducendo alcune nuove modifiche ai suoi sistemi di classificazione nella ricerca, progettati per aiutare a far emergere buoni contenuti nei risultati e nascondere alcune delle cose peggiori e più ciniche sul web. 

L’azienda afferma che sta facendo un lavoro migliore nel declassare i contenuti che esistono solo per riassumere altri contenuti – che a volte possono essere normali cose SEO ma sono sempre più un lavoro per strumenti di intelligenza artificiale generativa – e nel combattere alcuni dei trucchi che le persone usano per ingannare i suoi sistemi di classificazione.

Ci sono sempre persone che cercano di raggiungere la cima dei risultati di Google con la manipolazione. Questo è solo un dato di fatto del Web e una realtà della vita per i team di ricerca di Google. Anche Google apporta continuamente modifiche ai suoi algoritmi di classificazione, nel tentativo di migliorare i risultati di ricerca. Non sentiamo mai parlare della maggior parte di questi cambiamenti. “Vedi solo quelli che sono sfuggiti ai controlli, per così dire”, afferma Pandu Nayak, vicepresidente della ricerca presso Google. “Sfortunatamente, queste non sono cose di cui puoi semplicemente agitare una bacchetta magica e sbarazzarti.”

How To Buy Google Stock (GOOGL) – Forbes Advisor

Per Google annunciare le modifiche che sta apportando segnala due cose. Innanzitutto, si tratta di grandi cambiamenti che potrebbero cambiare in modo significativo la tua esperienza di ricerca: Nayak afferma che le misurazioni di Google mostrano una riduzione dei “contenuti non utili” fino al 40%. E in secondo luogo, che Google sta inviando un messaggio al Web: il tuo comportamento losco e spam termina ora.

Google sta inviando un messaggio al Web: il tuo comportamento di spam e impreciso termina ora

Nayak presenta tre esempi di ciò che Google ora considera un comportamento di spam e intende ridimensionarlo. Il primo è il contenuto su larga scala: i siti che creano migliaia di articoli di bassa qualità al giorno, tramite appaltatori poco pagati o generatori di intelligenza artificiale, e indirizzano tali contenuti ai risultati di ricerca. Nayak indica lo spam di necrologi –  di cui ha recentemente scritto Mia Sato di The Verge – come esempio di un problema da risolvere qui.

Who is the owner of Google now? - Legit.ng

Il secondo comportamento di spam è quello che Nayak chiama “abuso della reputazione del sito”. Questo avviene quando un sito web altrimenti rispettabile affitta parte del suo sito per sciocchezze contenenti spam; Non nominerò né svergognerò nessuno qui, ma sicuramente hai visto i siti che ti fanno chiedere perché hanno dei coupon o perché c’è un’intera parte del sito che sembra irrilevante e generata dall’intelligenza artificiale. Il terzo è l’”abuso di dominio scaduto”, ovvero quando qualcuno acquista un dominio abbandonato ma di alto rango e lo riempie di contenuti scadenti che poi saltano in cima alla ricerca. Lo stato attuale di The Hairpin è un esempio di come ciò possa accadere , di cui Wired ha parlato bene nelle ultime settimane.

Per coloro che sono coinvolti in abusi sulla reputazione dei siti, Nayak afferma che Google concede ai siti 60 giorni per eliminarli prima di apportare modifiche al ranking. Gli altri entrano in vigore adesso. Google ha un problema di spam, lo sa e sta cercando di chiuderlo. “L’ecosistema sano e di alta qualità è esattamente quello che viene colpito quando gli spammer e i fornitori di informazioni di bassa qualità ottengono il controllo del posizionamento”, afferma Nayak.

Il lavoro non è finito, ovviamente. La resa dei conti sui contenuti generati dall’intelligenza artificiale – cosa significa, chi lo vuole, come dovrebbe classificarsi – è solo all’inizio e causerà molti grattacapi interni a Google poiché cerca di portare l’intelligenza artificiale a tutti e cerca di salvare il web dall’essere invaso da esso. (Anche il motore di ricerca di Google è sempre più una macchina AI.) E ci saranno sempre modi nuovi e più subdoli per arrivare in cima ai risultati di ricerca. Questo è un grattacapo creato da Google: la maggior parte degli amici sul web esiste interamente per ingannare Google , e quindi Google sarà sempre un passo indietro.

Ma affinché Google continui a essere Google, deve essere bravo a trovare cose buone sul web. 

L’azienda ha segnalato già da tempo che intende preoccuparsi e dare priorità agli esseri umani rispetto alle macchine e ai contenuti reali rispetto ai clickbait , e sta iniziando a muoversi in quella direzione. Ma la strada da percorrere è lunga.

Condividi la notizia!