Aprile 23, 2024

donovanrossetto.it

Il sito ufficiale del noto "The Journalist" Italiano Donovan Rossetto

Rinforzo della sicurezza a Treviso: vertice in prefettura e rientro dei vigilantes

Dopo settimane di crescente tensione a causa di episodi di bullismo e disordini provocati da soggetti in stato di ebbrezza, la città di Treviso si trova di fronte a una svolta significativa nella gestione della sicurezza pubblica.

La Prefettura ha ospitato un cruciale vertice di sicurezza, vedendo la partecipazione di rappresentanti del Comune, della catena di supermercati Pam e delle forze dell’ordine, in risposta alle crescenti richieste di intervento da parte degli investitori locali. La decisione ha portato, lunedì 4 marzo, al rafforzamento della presenza dei vigilantes di fronte al supermercato Pam e a un incremento dei controlli da parte delle autorità.

Questa azione è la diretta risposta a una situazione divenuta insostenibile nella cosiddetta “zona rossa” di Treviso, delimitata da via Zorzetto, via Fiumicelli e i giardini di Sant’Andrea. Da mesi, l’area è teatro di problematiche legate alla sicurezza e all’ordine pubblico, che non possono più essere affrontate solo con la promessa di futuri interventi di riqualificazione urbana o con sporadici passaggi delle forze di polizia. La necessità di un presidio fisso è diventata, quindi, ineludibile.

Violenze e degrado al Pam di Treviso: arrivano i vigilantes fissi - Tribuna  di Treviso

In un episodio recente di particolare gravità, un individuo ha causato momenti di panico all’interno del Pam di Treviso con minacce di morte verso i presenti, prima di essere prontamente bloccato. Questo incidente ha ulteriormente sottolineato l’urgenza di una risposta coordinata e efficace alla situazione di insicurezza.

Antonella Tocchetto e Carlotta Bazza, consigliere comunali del Partito Democratico, hanno sollecitato la convocazione di una commissione d’urgenza dedicata alla sicurezza della zona, evidenziando la necessità di un approccio comprensivo che vada oltre il semplice conteggio delle denunce. Le rappresentanti politiche enfatizzano l’importanza di un’analisi approfondita delle dinamiche sociali e criminali che affliggono l’area, per individuare soluzioni concrete e durature.

La situazione di degrado nella zona ha stimolato un allarme sociale, con furti che ammontano a circa 16.000 euro di merce rubata al mese presso il Pam di Treviso, come riportato da Lorenza Raffaello. Di fronte a questa emergenza, le consigliere hanno espresso la volontà di includere nella commissione rappresentanti delle cooperative sociali, delle forze dell’ordine e dei sindacati dei lavoratori Pam, che finora non sono stati adeguatamente coinvolti nelle discussioni.

L’appello di Tocchetto e Bazza trova eco nelle preoccupazioni espresse da residenti e commercianti della zona, che vivono quotidianamente le conseguenze della situazione di degrado e insicurezza. In risposta, il Partito Democratico si impegna a promuovere iniziative culturali e eventi che contribuiscano alla riqualificazione del tessuto urbano e sociale, riaffermando il proprio ruolo di protagonista nel dibattito pubblico e nella ricerca di soluzioni efficaci per il benessere della comunità trevigiana.

Condividi la notizia!