Giugno 14, 2024

donovanrossetto.it

Il sito ufficiale del noto "The Journalist" Italiano Donovan Rossetto

Gli occhiali Ray-Ban Meta Smart ora dispongono di un’intelligenza artificiale multimodale

Può essere utile, sicuramente sbagliato e semplicemente complicato, ma gli occhiali intelligenti sono un fattore di forma molto più comodo per questa tecnologia.

Quando gli occhiali Ray-Ban Meta Smart sono stati lanciati lo scorso autunno, erano uno strumento di acquisizione di contenuti piuttosto accurato e un paio di cuffie sorprendentemente solide. Ma mancava una caratteristica chiave: l’intelligenza artificiale multimodale. Fondamentalmente, la capacità di un assistente AI di elaborare più tipi di informazioni come foto, audio e testo. Poche settimane dopo il lancio, Meta ha lanciato un programma di accesso anticipato, ma per tutti gli altri l’attesa è finita. L’intelligenza artificiale multimodale sta arrivando a tutti.

Meta's Ray-Ban Glasses Added AI That Can See What You're Seeing - CNET

Il tempismo è inquietante. Il Pin Humane AI è appena stato lanciato e ha ricevuto un fiasco dai revisori dopo un’esperienza utente universalmente negativa . È stato un po’ un cattivo presagio che incombe sui gadget dell’intelligenza artificiale. Ma dopo aver giocato un po’ con la beta AI ad accesso anticipato sui Ray-Ban Meta Smart Glasses negli ultimi mesi, è un po’ prematuro cancellare completamente questa classe di gadget.

Prima di tutto, ci sono alcune aspettative che devono essere gestite qui. Gli occhiali Meta non promettono tutto sotto il sole. Il comando principale è dire “Ehi Meta, guarda e…” Puoi completare il resto con frasi come “Dimmi cos’è questa pianta”. Oppure leggere un cartello in una lingua diversa. Scrivi didascalie per Instagram. Identificare e saperne di più su un monumento o un punto di riferimento. Gli occhiali scattano una foto, l’intelligenza artificiale comunica con il cloud e la risposta arriva nelle tue orecchie. Le possibilità non sono illimitate e metà del divertimento sta nel capire quali sono i propri limiti.

Meta Ray-Ban update makes them more compelling than ever

Ad esempio, il mio coniuge è un fanatico delle auto con un paio di queste cose. Hanno anche accesso anticipato all’IA. La mia vita è diventata un gioco infinito di “L’intelligenza artificiale di Meta può identificare correttamente questa macchina a caso per strada?” Come la maggior parte dell’intelligenza artificiale, quella di Meta a volte è esatta e spesso sbagliata. In una bella giornata primaverile, mia moglie stava scattando degli scatti glamour alle nostre auto: un’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio e un’Alfa Romeo Tonale . (Non chiedermi perché amano così tanto le auto italiane. Sono una ragazza Camry.) Ha identificato correttamente la Giulia. Anche la Tonale era una Giulia. Il che è divertente perché, visivamente, non si assomigliano per niente. La Giulia è una berlina e il Tonale è un SUV crossover. Tuttavia è davvero efficace nell’identificare i modelli Lexus e le Corvette.

Ho provato a far identificare all’intelligenza artificiale le mie piante, che sono tutte varie forme di piante grasse: Haworthia , piante di serpente, piante di giada, ecc. Dato che alcune erano regali, non so esattamente cosa siano. All’inizio l’IA mi ha chiesto di descrivere le mie piante perché avevo sbagliato il comando. D’oh. Parlare con l’intelligenza artificiale in modo da farti capire può sembrare come imparare una nuova lingua. Poi mi ha detto che avevo varie piante grasse delle varietà Echeveria , aloe vera e Crassula . L’ho effettuato un controllo incrociato con la mia app Planta, che può anche identificare le piante dalle foto utilizzando l’intelligenza artificiale. Ho alcune piante grasse Crassula . Per quanto ho capito, non esiste una sola Echeveria .

Foto di Victoria Song/The Verge

L’esperienza di punta è stata quando, un giorno, mia moglie è venuta nel mio ufficio. “Tesoro!!! C’è uno scoiattolo grasso e gigante nel cortile del vicino?!” Abbiamo guardato fuori dalla finestra del mio ufficio ed ecco, in effetti, c’era un grosso roditore che vagava qua e là. Iniziò una gara inespressa. Il mio coniuge, che indossa un paio di occhiali Ray-Ban Meta Smart come occhiali quotidiani, ha provato in ogni modo fino a domenica a convincere l’intelligenza artificiale a identificare la creatura. Ho tirato fuori il telefono, ho scattato una foto e sono andato al computer.

Ho vinto. Era una marmotta.

In questo caso, la mancanza di uno zoom è ciò che ha fatto gli occhiali. È stato in grado di identificare la marmotta una volta che mia moglie ha scattato una foto della foto sul mio telefono. A volte la questione non è se l’intelligenza artificiale funzionerà. È il modo in cui adatterai il tuo comportamento per aiutarlo.

Per me, è il mix tra un fattore di forma familiare e un’esecuzione decente che rende l’intelligenza artificiale utilizzabile su questi occhiali. Poiché è accoppiato al tuo telefono, il tempo di attesa per le risposte è minimo. Sono le cuffie, quindi ti senti meno stupido a parlare con loro perché sei già abituato a parlare tramite gli auricolari . In generale, ho trovato che l’intelligenza artificiale sia la più utile per identificare le cose quando siamo in giro. È un’estensione naturale di ciò che farei comunque con il mio telefono. Trovo qualcosa che mi incuriosisce, scatto una foto e poi la cerco. A condizione che non sia necessario ingrandire molto, questo è un caso in cui è bello non tirare fuori il telefono.

Occhiali Ray-Ban Meta Smart blu con lenti rosa su uno specchio colorato.

Aggiungere qualcosa di nuovo a un oggetto familiare è più facile che chiedere alle persone di imparare un modo completamente nuovo di fare le cose.Foto di Amelia Holowaty Krales / The Verge

È più imbarazzante quando si tenta di svolgere attività che non si adattano necessariamente al modo in cui utilizzerei già questi occhiali. Ad esempio, i miei sono occhiali da sole. Utilizzerei di più l’intelligenza artificiale se potessi indossarli in casa, ma così com’è, non sono quel tipo di jabroni. Il mio coniuge usa molto di più l’intelligenza artificiale perché ha la sua con obiettivi di transizione. (E sono davvero entusiasti di stimolare l’intelligenza artificiale a cazzate e risatine.) Inoltre, per compiti più generativi o creativi, ottengo risultati migliori facendolo da solo. Quando ho chiesto all’intelligenza artificiale di Meta di scrivere una divertente didascalia su Instagram per una foto del mio gatto su una scrivania, mi è venuta fuori: “La prova che sono vivo e non sono un fattorino di pizza”. L’umorismo è soggettivo.

Ma l’intelligenza artificiale è una caratteristica degli occhiali Meta. Non è l’ unica caratteristica. Sono un paio di occhiali funzionanti per live streaming e una buona fotocamera POV. Sono un ottimo paio di cuffie open-ear. Adoro indossare il mio durante le corse e le passeggiate all’aperto. Non potrei mai usare l’intelligenza artificiale e avere comunque un prodotto che funziona bene. Il fatto che sia qui, generalmente funziona, ed è un buon assistente vocale – beh, ti abitua solo di più all’idea di un computer facciale, che comunque è il punto.

Condividi la notizia!