Giugno 14, 2024

donovanrossetto.it

Il sito ufficiale del noto "The Journalist" Italiano Donovan Rossetto

La nostra realtà è una simulazione? Un fisico afferma di aver scoperto una nuova legge della fisica

Una nuova ricerca potrebbe far luce su questa domanda.

I fisici degli Stati Uniti e della Gran Bretagna hanno trovato un modo per verificare se viviamo nel mondo reale o in una realtà virtuale creata da qualcosa o qualcuno. Hanno trovato un modo per verificare l’ipotesi che il nostro universo sia un’enorme simulazione al computer.

realtà olografica che simula animali.
Foto illustrativa.

Gli scienziati hanno iniziato il loro lavoro modellando i processi che si verificano nel mondo delle particelle elementari. La base di questi metodi è l’utilizzo della tecnologia di simulazione, grazie alla quale il computer elabora stati quantistici scalari quadridimensionali (tre dimensioni spaziali più il tempo).

Negli studi teorici, gli scienziati hanno scoperto che l’attuale livello della tecnologia è in grado di simulare il nostro mondo solo in una parte molto piccola, non superiore a 1/1000000000000 di metri. Questo è leggermente più grande della dimensione di un nucleo atomico. Tuttavia, i futuri sviluppi tecnologici contribuiranno probabilmente ad espandere quest’area.

Una nuova ricerca potrebbe far luce su questa domanda. La scienza moderna esplora con sempre maggiore audacia la teoria secondo cui il nostro mondo potrebbe essere una simulazione avanzata
Foto illustrativa.

La scienza moderna esplora con sempre maggiore audacia la teoria secondo cui il nostro mondo potrebbe essere una simulazione avanzata. Melvin Wopson , fisico dell’Università di Portsmouth , ha proposto un nuovo concetto di fisica che potrebbe cambiare il modo in cui percepiamo la realtà.

La sua ricerca sulla cosiddetta “ seconda legge dell’infodinamica ” suggerisce che la realtà che ci circonda, anziché essere un insieme caotico di casi, può essere regolata con precisione da regole specifiche dei sistemi informativi.

Nelle sue opere Wopson si concentra sul fenomeno dell’entropia dell’informazione che, a differenza dell’entropia fisica, tende a diminuire.

Viviamo in una simulazione?
Foto illustrativa.

Questo stato di cose è contrario all’evoluzione tradizionalmente intesa, in cui le mutazioni sono considerate processi del tutto casuali. Secondo Wopson, se la sua teoria fosse vera, ciò potrebbe significare che le nostre vite e l’ambiente che ci circonda sono il risultato di simulazioni avanzate piuttosto che di eventi naturali indipendenti.

Nel suo lavoro, pubblicato sulla rivista AIP Advances , Wopson cita esempi tratti dalla biologia, dalla fisica atomica e dalla cosmologia che possono essere spiegati dalla seconda legge dell’infodinamica. In particolare, esamina le mutazioni del virus SARS-CoV-2 , il comportamento degli elettroni negli atomi multielettronici e la simmetria nell’universo come prova a sostegno della sua teoria.

La simmetria, comunemente osservata in natura, secondo Wopson, può essere intesa come uno stato di minore entropia informativa, caratteristica dei processi di ottimizzazione nelle simulazioni al computer.

Una nuova ricerca potrebbe far luce su questa domanda
Foto illustrativa.

La controversia che circonda la teoria della simulazione non è una novità. Tuttavia, l’ipotesi di Wopson fornisce strumenti nuovi e potenzialmente rivoluzionari per indagarlo, proponendo che il mondo in cui viviamo possa essere paragonato a un programma informatico avanzato. Questo approccio potrebbe ridefinire la nostra comprensione delle leggi fondamentali della fisica e dell’universo nel suo insieme.

Sebbene siano necessarie ulteriori prove e ricerche affinché le teorie di Wopson siano pienamente accettate dalla comunità scientifica, il suo lavoro sta già ispirando dibattiti e analisi più approfonditi. La possibilità che la nostra realtà sia una simulazione solleva domande affascinanti e inquietanti sulla nostra autonomia, sulla natura della coscienza, sullo scopo ultimo e sull’origine dell’universo.

Sebbene queste indicazioni sulla natura olografica dell’universo siano molto serie, la fisica ufficiale non ha ancora concluso che siamo ologrammi che vivono in un mondo olografico.

Forse un’affermazione del genere non è possibile, perché implicherebbe dichiarare che esiste un essere superiore, Dio, che ha lanciato la nostra simulazione.

E tu, caro lettore, pensi davvero che possiamo essere solo un ologramma?

Condividi la notizia!