Febbraio 27, 2024

donovanrossetto.it

Il sito ufficiale del noto "The Journalist" Italiano Donovan Rossetto

Basta conduttori Tv o giornalisti del medioevo, bisogna avanzare!

È tempo per la vecchia guardia di lasciare spazio alla nuova generazione: un’appello alla rinnovazione nel settore dell’informazione e dell’intrattenimento.

Le immagini di dentiere e sarcasmo vintage sembrano avere una presenza permanente sugli schermi delle nostre televisioni. Anziani conduttori di TV, giornalisti fuori tempo massimo e reti regionali resistenti all’innovazione dominano il panorama mediatico.

Anche se il mondo e la tecnologia avanzano a passo sostenuto, il settore dello spettacolo e del giornalismo sembra essere rimasto indietro, ancorato a una dimensione anacronistica.

Questo è un grido di protesta rivolto alla gerontocrazia mediatica: lasciate spazio ai giovani, per una rinascita creativa e innovativa.

Carlo Conti (conduttore televisivo) - Wikipedia

Conduttori televisivi come Ezio Greggio, Alfonso Signorini, Gerry Scotti, Paolo Bonolis e Fiorello, nonostante il rispetto guadagnato nel corso degli anni, sembrano ostacolare il rinnovamento necessario nel panorama televisivo italiano.

È tempo per loro di fare un passo indietro, di diventare mentori invece di ostacoli per i giovani talenti che cercano di emergere. Non dovrebbero afferrarsi ai loro posti come fossero un salvagente, bloccando l’ascesa delle nuove generazioni.

La situazione non è migliore nel settore del giornalismo. Redazioni dominate da capelli bianchi e dentiere, notizie che non rispecchiano le esigenze e gli interessi di un pubblico più giovane.

I conduttori tv più pagati in Italia | Popcorn Tv

Il risultato è un panorama mediatico vecchio e polveroso che non riesce a catturare l’attenzione delle nuove generazioni, nate e cresciute in un’epoca digitale.

Non c’è da stupirsi se i giovani in Italia vengono dipinti come pigri o disinteressati. Come possono dimostrare il loro valore quando le opportunità sono poche e lontane?

Quando le redazioni sono così arroccate nel passato da non rispondere nemmeno alle e-mail di un aspirante giornalista che offre di lavorare gratis?

Un giovane in redazione potrebbe essere un vantaggio non solo per la diversità di pensiero, ma anche per le competenze tecniche.

Sette Conduttrici e Sette Conduttori - Valutazioni - Twikie.it - Il  magazine più buono del web

Essi sono nati e cresciuti con la tecnologia digitale, quindi potrebbero insegnare agli anziani come gestirla, risparmiando i costi di tecnici o social media manager.

Il rischio di questa gerontocrazia ostinata è il declino irreversibile di settori cruciali come lo spettacolo e il giornalismo. È tempo di svegliarsi e fare spazio ai giovani.

Lasciamo che le loro idee fresche e innovative diano nuova vita a questi settori. Solo allora potremo evitare di affondare in un mare di obsolescenza.

Condividi la notizia!