Febbraio 27, 2024

donovanrossetto.it

Il sito ufficiale del noto "The Journalist" Italiano Donovan Rossetto

Specie misteriose seppellirono i loro simboli scolpiti centomila anni prima degli umani

An exhibit shows the life of a neanderthal family in a cave in the new Neanderthal Museum in the northern town of Krapina February 25, 2010. The high-tech, multimedia museum, with exhibitions depicting the evolution from 'Big Bang' to present day, opens on February 27. REUTERS/Nikola Solic (CROATIA - Tags: SOCIETY) - RTR2AVXG

I ricercatori hanno individuato segni che indicano la pratica di riti funerari e rappresentazioni simboliche svolte da una specie umana arcaica, fino ad allora avvolta nel mistero.

Queste pratiche si sono verificate in un periodo precedente alle prime manifestazioni di sepolture eseguite dall’uomo moderno . La specie in questione, chiamata Homo naledi, aveva un cervello che era circa un terzo più piccolo del cervello umano moderno.

Le scoperte rappresentano un potenziale cambiamento nella comprensione dell’evoluzione umana, dal momento che questi comportamenti, fino ad allora, erano stati associati esclusivamente a Homo sapiens e Neanderthal, che avevano cervelli più grandi.

Questi risultati sono ampiamente documentati in tre studi che sono stati accettati per la pubblicazione nella prestigiosa rivista eLife, e le bozze degli articoli sono accessibili su BioRxiv.

appartenente alla specie Homo naledi
Il team di ricerca ha esposto i fossili appartenenti alla specie Homo naledi presso l’Institute for Evolutionary Studies della rinomata Università del Witwatersrand, situata a Johannesburg. Credito: Robert Clark/National Geographic

I fossili attribuiti alla specie Homo naledi sono stati inizialmente scoperti nel complesso di grotte Rising Star, situato in Sud Africa, durante gli scavi effettuati nel 2013.

Questo sistema di grotte, parte della Culla dell’Umanità del Sud Africa, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, comprende una regione in cui gli scienziati hanno trovato fossili di diverse antiche specie di antenati umani.

Questi resti sono stati fondamentali per comprendere la storia evolutiva dell’umanità.

Il paleoantropologo e National Geographic Explorer-in-Residence Dr. Lee Berger, guidò una squadra di “astronauti sotterranei” che proseguirono con estese e rischiose esplorazioni nelle grotte, con lo scopo di approfondire la conoscenza sugli ominidi estinti, cioè gli antichi antenati umani.

Attualmente il gruppo di ricerca è riuscito a individuare i resti di adulti e bambini appartenenti alla specie Homo naledi, depositati in posizione fetale all’interno di anfratti delle grotte e successivamente ricoperti da strati di terra.

È interessante notare che queste sepolture precedono qualsiasi altra sepoltura di Homo sapiens conosciuta di almeno 100.000 anni.

Camera Dinaledi
Megan Berger, figlia del famoso Dr. Lee Berger, paleoantropologo e National Geographic Explorer-in-Residence, insieme a Rick Hunter, membro del team di esplorazione sotterranea, navigano abilmente negli stretti passaggi che conducono alla Camera Dinaledi nel complesso di grotte Rising Star, situato in Sud Africa. Credito: Robert Clark/National Geographic

Durante il processo di indagine sulle sepolture rupestri, gli scienziati hanno anche fatto una scoperta significativa: una serie di simboli incisi sulle pareti delle caverne, la cui antichità è stimata tra 241.000 e 335.000 anni. Tuttavia, per una datazione più accurata, i ricercatori desiderano procedere con ulteriori test.

Questi simboli sono costituiti da incisioni profonde come tratteggi incrociati simili a hashtag e altre forme geometriche.

È importante sottolineare che simboli simili, rinvenuti in altre grotte, furono scolpiti dai primi Homo sapiens circa 80.000 anni fa e dai Neanderthal circa 60.000 anni fa.

Si ritiene che questi simboli siano stati usati come un modo per registrare e condividere informazioni.

“Questi recenti ritrovamenti indicano in modo suggestivo la presenza di sepolture intenzionali, l’uso di simboli e la partecipazione ad attività di creazione di significato da parte di Homo naledi. Da queste prove, diventa praticamente inevitabile concludere che questa specie ancestrale dal cervello piccolo fosse coinvolta in pratiche complesse associate alla morte”, ha affermato Berger, autore principale di due degli studi e coautore del terzo, in una dichiarazione.

“Questa scoperta non solo suggerisce che gli esseri umani non sono gli unici a sviluppare pratiche simboliche, ma solleva anche la possibilità che non fossero i creatori di questi comportamenti”.

Esplorare le profondità delle grotte.

Esplorare l’intricato sistema di grotte noto come Rising Star, con le sue camere impegnative, non è un compito per i deboli di cuore.

Il team di ricerca ha mappato oltre 2,5 miglia (4 chilometri) di queste grotte fino ad oggi. Presentano una profondità verticale di 328 piedi (100 metri) e si estendono su 656 piedi (200 metri) di lunghezza.

Queste informazioni sono state fornite dal dott. Tebogo Makhubela, geologo responsabile dello studio e docente senior di geologia presso l’Università di Johannesburg.

Il sistema di grotte comprende sezioni pericolose come cascate ripide mortali e corridoi stretti come il “Superman’s Crawl”, un tunnel lungo circa 131 piedi (40 metri) e largo 9,8 pollici (25 centimetri), che richiede ai ricercatori di muoversi sullo stomaco.

Questa informazione è stata condivisa dal Dr. Keneiloe Molopyane, National Geographic Explorer e capo escavatore per la spedizione Dragon’s Back (dal nome di una delle caratteristiche della grotta).

Inoltre, Berger ha affermato di aver dovuto perdere circa 25 chilogrammi per muoversi attraverso gli stretti passaggi delle camere della grotta nel 2022.

Grotta della stella nascente
Il dottore. Lee Berger, famoso paleoantropologo e National Geographic Explorer-in-Residence, è raffigurato all’interno dell’ultima estensione dell’intricato labirinto di passaggi della Rising Star Cave. Credito: Lee Berger

“È stata l’esperienza più stimolante e affascinante della mia vita”, ha detto Berger. “Ho quasi perso la vita lasciando lì, ma ne è valsa decisamente la pena date le scoperte che abbiamo fatto. Tuttavia, credo che una parte importante di quel contesto sia che il viaggio non sarebbe stato così arduo, a quanto pare, per Homo naledi.

Homo naledi aveva alcune somiglianze con gli umani, come la capacità di camminare eretti e la capacità di manipolare oggetti con le mani. Tuttavia, i membri di questa specie avevano cervelli più piccoli, statura più bassa e una struttura corporea più snella e muscolosa”, ha aggiunto Berger.

Le spalle dell’Homo naledi, che mostravano caratteristiche adattate per una migliore capacità di arrampicata, così come i denti, presentavano somiglianze con ominidi precedenti come l’Australopithecus.

Questa osservazione è stata fatta dal Dr. John Hawks, professore di antropologia e paleoantropologia presso l’Università del Wisconsin-Madison.

corredo funerario rinvenuto nella Camera Dinaledi
Questa immagine illustra due prove funerarie rinvenute nella Camera Dinaledi della Grotta della Stella Nascente. Uno dei corpi apparteneva a un individuo adulto della specie Homo naledi, mentre l’altro corrispondeva a un individuo giovane. Credito: Lee Berger

I ricercatori hanno identificato un’abbondanza di fossili appartenenti a Homo naledi nelle grotte, che vanno dai resti di neonati in fase iniziale a individui anziani, che hanno fornito una comprensione più completa di Homo naledi come popolazione, come riportato da Hawks.

Man mano che il team procedeva con le esplorazioni delle grotte, divenne evidente che l’Homo naledi conosceva intimamente e utilizzava l’ampio sistema di grotte.

Quando Berger e il suo team hanno annunciato la scoperta di Homo naledi nel 2015, si è ipotizzato che la specie potesse aver effettuato sepolture deliberate nella grotta.

Tuttavia, l’idea che un ominide con un cervello relativamente piccolo potesse eseguire tale comportamento era inizialmente considerata un’ipotesi molto controversa.

Nel 2018, il gruppo di ricerca ha iniziato a trovare prove a sostegno dell’idea che l’Homo naledi praticasse intenzionalmente la sepoltura dei propri morti.

Gli scienziati hanno scoperto la presenza di ovali scavati nelle superfici delle grotte, simili a fosse, oltre a resti disposti in posizioni curve e ondulate.

Queste scoperte hanno fornito prove sempre più solide a sostegno della pratica delle sepolture intenzionali da parte di Homo naledi.

tracce mortali
L’anticamera della grotta (a sinistra) ospita i resti mortali di almeno quattro giovani individui della specie Homo naledi. Attraverso una ricostruzione TC, è stato rappresentato un bambino (a destra) che si stima avesse circa 13 anni al momento della morte. Credito: Lee Berger

Sono stati individuati altri luoghi di sepoltura, in cui sono state scavate tombe orizzontali nei fianchi delle colline, con corpi accuratamente deposti al loro interno, indicando che i resti non sono stati depositati lì accidentalmente o involontariamente, come affermato da Berger.

“Non è solo un corpo finito in una depressione o in un buco. Si tratta di un corpo intero che è stato ricoperto di terra e successivamente decomposto all’interno della tomba stessa. Ciò indica, in parte, che fu deliberatamente sepolto in quel momento come un’entità di carne intatta, e non il risultato di qualche evento catastrofico o naufragio”, ha spiegato Berger.

“Riteniamo che questi reperti soddisfino i criteri essenziali per essere considerati sepolture umane o sepolture di una specie arcaica non umana, l’Homo naledi”.

Successivamente, il gruppo di ricerca ha trovato un manufatto all’interno di una delle tombe e ha anche scoperto incisioni sulle pareti della grotta.

Sculture incise sulle pareti

All’interno di una delle tombe c’è una roccia a forma di utensile, posta con cura accanto alla mano di un Homo naledi adulto. In un’anticamera, sopra le tombe, si trova una parete ornata da incisioni rupestri.

Le forme geometriche profondamente scolpite emergono nelle pareti di roccia dolomitica, che hanno un punteggio da 4,5 a 4,7 sulla scala di durezza Mohs, che aiuta i ricercatori a valutare la resistenza ai graffi dei minerali.

La dolomite è a metà strada tra il diamante (in cima alla scala) in termini di durezza, il che indica che ci vorrebbe uno sforzo e un tempo estremi per scolpire tali figure nelle pareti, come ha sottolineato Berger.

profusione di incisioni e sculture
Una delle pareti dell’Anticamera sulla collina presenta una profusione di incisioni e sculture. Il pannello rivela una ripetizione di incisioni che rappresentano quadrati, scale, triangoli, croci e X. Credito: Lee Berger

Il team sostiene che le incisioni nelle grotte siano state realizzate da Homo naledi piuttosto che da Homo sapiens, a causa dell’assenza di prove che suggeriscano la presenza umana nelle grotte.

Homo naledi ha dimostrato la capacità di usare il fuoco per illuminare le caverne e svolgere le proprie attività. La presenza di fuliggine, carbone e ossa bruciate, sparse nelle grotte, testimonia la pratica dell’uso del fuoco da parte degli individui, come ricordato da Berger.

Sia le sepolture che i simboli rinvenuti indicano la capacità dell’Homo naledi di assumere comportamenti simbolici significativi, come evidenziato da Agustín Fuentes, ricercatore del National Geographic, esperto di biocultura locale e autore principale del terzo studio.

roccia a forma di strumento
Si ritiene che la “roccia a forma di strumento” sia stata intenzionalmente collocata vicino o tenuta in mano da un adolescente Homo naledi sepolto nell’anticamera della collina. Le frecce indicano possibili segni e linee seghettate, che suggeriscono modifiche o segni di usura sul bordo della roccia, che possono essere un’indicazione del suo utilizzo. Credito: Lee Berger

Il significato dei simboli trovati non è chiaramente definito e i ricercatori non sono sicuri se fossero usati come forma di linguaggio o comunicazione all’interno della specie Homo naledi.

“Quello che possiamo dire è che questi disegni geometrici sono stati realizzati intenzionalmente e avevano un significato per naledi”, ha detto Fuentes.

“Ciò indica che hanno dedicato molto tempo, speso sforzi significativi e persino rischiato la vita per incidere queste raffigurazioni nei luoghi di sepoltura”.

I risultati relativi a naledi indicano che le dimensioni del cervello potrebbero non essere l’unico tratto associato a un comportamento complesso che i ricercatori pensavano in precedenza fosse unico per gli esseri umani, ha detto Fuentes.

“La sfida che dobbiamo affrontare ora è che abbiamo prove che Homo naledi, così come Homo sapiens, Neanderthal, Denisovans e altri ominidi, erano coinvolti in comportamenti che, fino a pochi decenni fa, credevamo fossero unici per noi”, ha affermato. spiegato. .

“Ciò implica che dobbiamo riconsiderare i tempi dell’uso del fuoco, la creazione di significato e la sepoltura dei morti nel corso della storia degli ominidi”.

evidenza di linee sbiadite e persino cancellature
Alcune delle incisioni rivelano segni di linee sbiadite e persino cancellate, simili alla sabbia utilizzata per “cancellare” i segni prima che un’altra incisione fosse completata sulla parte superiore. Credito: Lee Berger

Chris Stringer, responsabile della ricerca sulle origini umane presso il Natural History Museum di Londra, ha affermato che mentre in precedenza era scettico sulle affermazioni di comportamenti complessi nell’Homo naledi e nel loro cervello delle dimensioni di una scimmia, “le prove sostanziali presentate ora da Berger e dai suoi colleghi, riferendosi a possibili sepolture e incisioni parietali, non è facilmente escludibile”. Stringer non è stato coinvolto nella ricerca.

“Certamente, mi piacerebbe vedere i tentativi di datare le prove per le incisioni e l’uso del fuoco, ma se queste grandi affermazioni sono ben comprovate, avranno profonde implicazioni per le nostre ricostruzioni dell’evoluzione umana”, ha detto Stringer.

I risultati sollevano una serie di domande, inclusa la possibilità che i comportamenti osservati fossero già presenti in un antenato comune più antico, molto prima dell’Homo naledi e degli esseri umani.

Inoltre, sorge la domanda sul perché abbiamo cervelli così grandi, se la complessità comportamentale simile a quella umana può essere raggiunta con un cervello di dimensioni inferiori alla metà.

Queste considerazioni sono state rilevate da Stringer, evidenziando la necessità di una riflessione più approfondita sull’evoluzione umana e le sue implicazioni.

prossimi passi

Il lavoro svolto da Berger e dai suoi colleghi sulla scoperta dell’Homo naledi e il suo potenziale impatto sull’albero genealogico umano sarà condiviso nel documentario Netflix “Unknown: Cave of Bones”, che uscirà il 17 luglio.

Inoltre, stanno anche pubblicando un libro intitolato “Cave of Bones: A True Story of Discovery, Adventure, and Human Origins”, scritto da Berger e Hawks, che sarà disponibile l’8 agosto.

Il gruppo di ricerca rimane impegnato ad approfondire la conoscenza di Homo naledi.

Ciò include determinare l’età della specie, indagare se esistesse più vicino al tempo degli umani di quanto si pensasse in precedenza ed esplorare la possibilità che ci sia del DNA conservato nelle ossa trovate nel sistema di caverne.

Condividi la notizia!