Giugno 20, 2024

donovanrossetto.it

Il sito ufficiale del noto "The Journalist" Italiano Donovan Rossetto

Gacy: il cosplay assassino degli anni 80

Uno dei peggiori serial killer della storia americana, John Wayne Gacy si esibiva nei panni di “Pogo the Clown” di giorno e uccideva giovani uomini e ragazzi di notte.

Il 2 gennaio 1972, il sedicenne Timothy McCoy si alzò presto per preparare la colazione al suo ospite. Aveva incontrato John Wayne Gacy al terminal degli autobus di Chicago la sera prima e Gacy lo aveva lasciato stare mentre tornava a casa in Iowa dopo aver trascorso il Natale nel Michigan.

McCoy tirò fuori uova e pancetta e apparecchiò la tavola per due. 

Quindi, salì le scale per svegliare Gacy, senza rendersi conto di non aver posato il coltello che stava usando.

Quello che è successo dopo avrebbe preparato la scena per il resto della vita di Gacy.

Non rendendosi conto che il ragazzo non aveva intenzione di fare del male, Gacy lo ha pugnalato al petto, uccidendolo. 

Ha poi seppellito il suo corpo nel vespaio sotto casa e ha coperto la tomba di cemento.

Secondo quanto riferito, l’uccisione di McCoy ha dato al cosplayer Gacy un “orgasmo da intorpidire la mente”. 

L’omicidio era stato presumibilmente un errore, ma ha instillato in Gacy “il brivido finale” che avrebbe bramato per il resto della sua vita.

Gacy il cosplayer original “POGO” che prende il sopravvento

Nei successivi sei anni, dozzine di altri corpi si sarebbero uniti a quello di Timothy McCoy. E per tutto il tempo, Gacy ha finto di essere un membro onesto della sua comunità. 

Si è esibito a feste e ospedali come “Pogo the Clown”il cosplayer, ma la sua propensione per l’omicidio non era uno scherzo. 

Quando fu catturato, Gacy il “Pagliaccio assassino” aveva accumulato 33 vittime, proprio a causa di questa passione, il cosplay.

Il cosplayer Gacy, aveva creato un original, cioè un costume che proviene dalla sua mente, POGO, questo rispecchiava il suo essere bisex e assassino, cacciando così giovani ragazzi.

Chi conosceva John Wayne Gacy non si sarebbe mai aspettato che si rivelasse come lui. 

Quasi tutti quelli che lo hanno incontrato lo hanno descritto come un uomo mite e simpatico. 

Per la maggior parte della sua vita, ha lavorato nel servizio clienti, prima gestendo tre dei franchise KFC di suo suocero, poi avviando la propria attività di costruzione.

I suoi clienti lo ricordavano come gentile, generoso e disposto ad aiutare le persone. 

Ha assunto adolescenti locali bisognosi di lavoro e ha contribuito notevolmente alla sua Junior Chamber of Commerce locale. 

Si prendeva persino del tempo nei fine settimana per travestirsi da clown per le feste di compleanno dei bambini, tutto questo perché il mondo dei cosplayer era agli inizi del suo percorso maligno.

Tuttavia, come avrebbero appreso le autorità, qualcosa di gravemente inquietante era stato dentro di lui per tutto il tempo, appunto il cosplay di POGO, il male in maschera!

Il demone POGO, il cosplay, aveva già ucciso ed era insaziabile!

John Wayne Gacy è nato a Chicago il 17 marzo 1942. Suo padre lo aveva sempre disprezzato, chiamato “femminuccia” e abusato di lui dall’età di quattro anni. 

Spesso rimproverava il ragazzo e lo frustava con una cintura. Quando Gacy aveva sette anni e un amico di famiglia lo molestò, non lo disse a nessuno per paura di essere picchiato.

All’inizio, Gacy si rese conto di essere gay. Ma durante gli anni ’50, l’omosessualità era ancora un tabù, quindi finse di essere etero per tutta la vita, ma dentro alla maschera da cosplay, niente aveva più limite.

Gacy aveva una condizione cardiaca congenita che limitava la sua attività fisica e lo affliggeva con l’obesità per tutta la vita. 

Trascorse gran parte della sua giovinezza in ospedale. Quando aveva 11 anni, i medici scoprirono che aveva un coagulo di sangue nel cervello. 

Sono stati in grado di curarlo, ma anche questo non ha risparmiato a Gacy l’ira di suo padre.

Alla fine, Gacy ne ha avuto abbastanza degli abusi, ha raccolto il costume e si è trasferito a ovest. 

Mentre lavorava come assistente funerario a Las Vegas, Gacy dormiva su una branda dietro la stanza dell’imbalsamazione. 

Una notte, dopo aver osservato gli impresari di pompe funebri che imbalsamavano i cadaveri, è strisciato in una bara con uno. 

Rimase per un po’ nella bara, abbracciando e accarezzando il corpo, un adolescente.

L’evento lo sconvolse così tanto che tornò a casa e si iscrisse a una scuola di economia, dopo pochi mesi a Las Vegas. Non ha mai raccontato a nessuno della sua notte con il corpo all’obitorio.

Il “cosplayer ” ha cercato di avere una vita normale

Dopo la laurea al Northwestern Business College, Gacy ha incontrato Marlynn Myers, una collega di un’azienda di scarpe a Springfield, Illinois. 

La coppia si sposò nel 1964 e Gacy assunse la gestione del franchise di Kentucky Fried Chicken di suo suocero a Waterloo, Iowa, dove vivevano con i genitori di Myers.

Lui e Myers hanno avuto due figli e quella che sembrava una vita perfetta.

Ma nel frattempo, Gacy ha cercato di soddisfare di nascosto la sua depravazione grazie al cosplay. 

Si è unito ai Waterloo Jaycees, un gruppo di uomini d’affari che hanno partecipato a scambi di moglie, prostituzione, pornografia e abuso di droghe. 

Ha persino aperto un “club” nel suo seminterrato rivolto agli adolescenti, dove potevano bere e giocare a biliardo senza finire nei guai, tutti futuri cosplayer diceva lui!

“Spesso creava fiducia con le sue vittime, quindi non avrebbero avuto bisogno di stare in guardia”, il detective sergente. Jason Moran dell’ufficio dello sceriffo della contea di Cook disse anni dopo . “Era il loro datore di lavoro, il loro amico. Potrebbe essere stato qualcuno che ha fornito loro alcol e droghe e forse un posto dove dormire la notte. È un modo semplice per uccidere qualcuno”.

Quindi, Gacy iniziò a costringere alcuni di questi giovani, compresi quelli che impiegava alla KFC, a compiere atti sessuali con lui. Questa sarebbe stata la sua prima caduta dovuta all’uso del costume POGO, il cosplay.

Tutto iniziò nell’agosto del 1967, quando Gacy assunse un quindicenne Donald Voorhees – il figlio di un altro membro dei Jaycees – per fare dei lavori domestici per lui. 

Gacy lo ha attirato nel suo seminterrato, lo ha riempito di alcol e lo ha costretto a fare sesso orale.

Voorhees rimase in silenzio sull’incidente fino al marzo 1968, quando lo disse a suo padre e stimolò un’indagine penale su Gacy che distrusse la facciata di una vita normale che aveva creato.

Pochi mesi dopo, ha pagato $ 300 a un dipendente della KFC per picchiare Voorhees, sperando di spaventarlo dal testimoniare in tribunale. 

Ma Voorhees è scappato e ha denunciato il tentato pestaggio e il caso contro Gacy è solo peggiorato.

A dicembre, John Wayne Gacy si è dichiarato colpevole di sodomia orale. A quel tempo, i rapporti sessuali tra due persone dello stesso sesso erano illegali in Iowa. 

Fu condannato a 10 anni di carcere e gli furono prontamente notificati i documenti per il divorzio dalla moglie, che non avrebbe mai più rivisto.

Ma meno di due anni dopo la sua condanna, a John Wayne Gacy è stata concessa la libertà vigilata per essere un prigioniero modello.

a volte il cosplay cambiava

Durante il breve periodo in cui è stato incarcerato, Gacy è riuscito a ottenere un aumento per i lavoratori della mensa della prigione, ha aumentato di 600 i membri della prigione Jaycees, ha lavorato per migliorare le condizioni dei prigionieri e ha supervisionato l’installazione di un campo da minigolf nel cortile ricreativo.

Ha anche fatto finta di essere etero e di odiare i “cosplay”, per proteggersi dall’ira dei suoi compagni di reclusione.

Gli furono concessi 12 mesi di libertà vigilata a condizione che fosse tornato a Chicago per vivere con sua madre e avesse mantenuto il coprifuoco alle 22:00. Accettò e dichiarò: “Non tornerò mai più in prigione”.

La casa del cosplayer assassino

Mesi dopo il suo rilascio, quando lui e sua madre vivevano a Des Plaines, Illinois, Gacy ha attirato un adolescente nella sua casa e ha cercato di violentarlo. Gacy è stato accusato di violenza sessuale, ma le accuse sono state ritirate quando il ragazzo non si è presentato in tribunale.

Gacy aveva tecnicamente violato la sua libertà vigilata, ma in qualche modo il suo agente di custodia non era mai a conoscenza dell’episodio. Nel 1971, Gacy si era stabilito in una nuova casa a Norwood Park, un quartiere a nord-ovest di Chicago.

Il suo ranch di mattoni gialli lì, al 8213 di West Summerdale Avenue, sarebbe diventato un cimitero per 29 giovani uomini e ragazzi.

Era il luogo in cui sarebbero stati commessi tutti i suoi raccapriccianti omicidi e anche il luogo in cui avrebbe guadagnato fama locale come “Pogo the Clown”per appunto, il cosplayer, il costume che gli permise di diventare un assassino con facilità!

Mentre era in prigione, John Wayne Gacy era diventato una specie di artista e aveva ripetutamente abbozzato l’immagine di Pogo il Clown. 

Dopo il suo rilascio, è entrato a far parte del club locale “Jolly Joker”, un club di clown che si esibiva alle feste di compleanno e negli ospedali.

Ha imparato da solo come applicare il trucco da clown e si è trasformato in Pogo il Clown come lo aveva immaginato nei suoi disegni. 

Si è esibito come Pogo il Clown in tutti i tipi di feste locali, comprese le funzioni del Partito Democratico e gli eventi di beneficenza.

I residenti di Norwood Park lo ricordano anche quando si è presentato al suo bar preferito, il “Good Luck Lounge”, in cosplay da Pogo il Clown.

“[Il pubblico] si sentirebbe molto più a suo agio se Gacy fosse questo tipo di ghoul inquietante e sequestrato, trasandato e atroce”, ha detto Moran. “Ma invece, si è vestito da clown e ha fatto rimbalzare i bambini sulle ginocchia. Busserebbe alla tua porta e direbbe vota per il mio candidato”.

Ma Pogo il cosplayer non ha ingannato tutti. 

Carol Hoff, la sua fidanzata del liceo e seconda moglie che ha sposato nel 1972, ha messo in dubbio la sua sessualità. 

Quando Gacy le disse che era bisessuale e cosplayer nel 1975, Hoff divorziò da lui e lo lasciò solo nella loro casa.

Sebbene abbia negato di sapere cosa sarebbe successo, Hoff in seguito ha ammesso alle autorità di averlo visto prima portare ragazzi adolescenti nel loro garage.

Lo stesso anno Gacy sposò Hoff, commise il suo primo omicidio, quello di Timothy McCoy. Ha nascosto il corpo sotto il suo vespaio. 

Secondo quanto riferito, Gacy è riuscito a uccidere una seconda vittima mentre era ancora sposato con sua moglie, nel 1974.

Quella vittima non è ancora identificata, ma Gacy afferma di aver strangolato un giovane e di averlo nascosto nel suo armadio. 

Quando il corpo iniziò a fuoriuscire, lo spostò anche nel vespaio.

Ma dopo il suo divorzio, il “Killer Clown Cosplay” ha avuto la libertà di portare più vittime nella sua casa. 

Fatte salve le sue ultime quattro vittime, che ha scaricato in un fiume, tutte le sue vittime sono state uccise e conservate sotto casa sua.

Le vittime di Gacy erano tutti giovani uomini e ragazzi. 

Predava adolescenti ancora non identificati, alcuni che erano vagabondi da fuori città e alcuni che erano ragazzi del posto che lavoravano per lui.

Ha attirato alcuni nella sua macchina impersonando un ufficiale, oa casa sua con l’offerta di un lavoro, un posto dove festeggiare o persino denaro. 

Una volta che ha avuto la sua vittima nel suo spazio, Gacy l’ha persuasa con droghe o alcol o con un trucco magico malato, durante il quale li ammanettava e faceva penzolare la chiave davanti alla loro faccia.

Poi li avrebbe torturati, violentati e uccisi. 

Uno degli atti di tortura preferiti da Gacy era sedersi sulla sua vittima con tutto il suo peso – che era notevole – e costringere la vittima a succhiarlo. 

Ha strangolato e rianimato le sue vittime, a volte annegandole anche parzialmente nella sua vasca da bagno.

Gacy avrebbe quindi avuto il coraggio di partecipare alle feste di ricerca di alcuni di questi ragazzi, poiché era amichevole con i loro genitori ed era considerato un membro onesto della comunità, grazie soprattutto al cosplay.

Si era preparato per uccidere senza restrizioni e senza sospetti, ma il suo 33esimo omicidio non sarebbe andato come previsto.

La Facciata Di Pogo Il Cosplayer Si Sbriciola

Verso le 21:00 dell’11 dicembre 1978, Elizabeth Piest andò a prendere suo figlio , uno studente del secondo anno delle superiori e allievo d’onore di nome Robert, dal suo lavoro in una farmacia a Des Plaines.

Robert Piest uscì e le disse di aspettare qualche minuto; voleva parlare con un cliente di un lavoro estivo che lo avrebbe pagato il doppio di quello che stava facendo attualmente.

Quella fu l’ultima volta che Elizabeth vide suo figlio. Prima della mezzanotte si è recata in questura per denunciare la scomparsa.

La polizia ha scoperto che l’uomo con cui Robert Piest avrebbe parlato era John Wayne Gacy, la cui società PDM Contractors aveva recentemente ristrutturato la farmacia di Piest. 

casa di gacy

Lo chiamarono alla stazione per essere interrogato e Gacy obbedì, dopo aver preso il corpo di Piest e averlo scaricato nel fiume Des Plaines.

In poche ore, le autorità hanno perquisito la casa di Gacy. 

Non hanno trovato corpi, ma hanno trovato prove che Piest fosse stato lì: una ricevuta che apparteneva a un suo amico.

Non è stato fino al 22 dicembre 1978 – quasi esattamente 10 anni dopo la sua prima condanna per sodomia – che Gacy il “clown assassino” ha confessato di aver ucciso dozzine di giovani uomini e ragazzi. 

Gli investigatori hanno invaso la sua casa e hanno scoperto 29 corpi nel vespaio. 

Molti si erano decomposti irriconoscibili e gli esperti dentali furono chiamati per identificare le vittime di John Wayne Gacy dai loro denti.

Le vittime di John Wayne Gacy ricevono giustizia

Tre anni dopo, il “Killer Clown Cosplay” ha usato una dichiarazione di follia durante il suo processo, sperando in un verdetto di non colpevolezza.

La giuria non l’ha bevuta. Gacy è stato condannato a morte e ha abbandonato la facciata amichevole che aveva mantenuto per tutti quegli anni. 

Non sembrava provare alcun rimorso per le sue vittime.

“Guardava le sue vittime come se stesse portando fuori la spazzatura. Non aveva sentimenti per loro”, ha detto l’avvocato di Gacy, Sam Amirante. 

“Potrebbe parlare di un bambino che sta morendo di cancro e piangere come un bambino per questo bambino che nemmeno conosceva o che non ha mai incontrato e sentirsi autenticamente triste per questo bambino. Poi parlava di un altro bambino che ha ucciso e non provava alcun sentimento”.

Trascorrerà 14 anni in prigione in attesa della sua esecuzione. La notte prima di essere messo a morte, è tornato alle sue origini e ha ordinato un secchio di Kentucky Fried Chicken come ultimo pasto.

Secondo i rapporti, le ultime parole del “Killer Clown” prima della sua esecuzione furono “è stato POGO, il mio cosplay“.

Sebbene John Wayne Gacy sia scomparso da tempo – e da allora la sua casa sia stata demolita – la sua eredità sopravvive. 

La maggior parte delle vittime di John Wayne Gacy che sono state recuperate dal suo vespaio sono state identificate e rilasciate alle loro famiglie per la sepoltura. 

Tuttavia, 23 anni dopo la sua morte, le autorità stanno ancora cercando di identificare il resto.

Il cosplay ha lasciato ancora del mistero

Tutt’ora ci sono ancora vittime non riconosciute, pensate che l’ultima che hanno scoperto l’identità, non aveva più parenti in vita per dare la notizia.

Ecco quindi cosa può fare un uomo in cosplay, una persona in costume, fuori dal periodo di carnevale!

Ecco altri articoli scelti per te:

Condividi la notizia!