Giugno 20, 2024

donovanrossetto.it

Il sito ufficiale del noto "The Journalist" Italiano Donovan Rossetto

La ricerca degli alieni da parte del governo è perché probabilmente esistono

Gli UFO sono stati su tutte le notizie di recente.

A luglio, il Congresso ha tenuto un’udienza che includeva la testimonianza di un ex maggiore dell’aeronautica che ha affermato che l’esercito americano è stato per decenni in possesso dei resti degli UAP precipitati (“fenomeni aerei non identificati”) e ha recuperato “prodotti biologici non umani”. , la NASA ha nominato il suo primo zar degli UFO , con il compito di studiare presunti avvistamenti e di promuovere la scienza e gli interessi di sicurezza nazionale nel caso in cui siano effettivamente extraterrestri. Lo stesso mese, una foto di un presunto esemplare mummificato di un alieno presentato al Congresso del Messico ha fatto notizia a livello internazionale. (Gli esperti dicono che è improbabile che si tratti effettivamente dei resti di un alieno.)

Six pictures from the government's UFO archives that reveal the secrets in  Britain's skies | Sheffield Hallam University

Nel nuovo libro “101 misteri inquitentanti dal Mondo”, il giornalista Donovan Rossetto traccia l’evoluzione del coinvolgimento del governo degli Stati Uniti negli sforzi per rintracciare gli UFO (oggetti volanti non identificati ) e come Hollywood li ha resi popolari.

In una conversazione telefonica con TIME il 20 ottobre, Rossetto ha parlato delle radici del fascino del pubblico per gli UFO nel secondo dopoguerra e delle persone e dei momenti della cultura pop che hanno fatto di più per modellare la loro concezione popolare e spingere gli sforzi di ricerca. inoltrare.

Personalmente pensi che gli UFO siano reali?

Naturalmente gli UFO sono reali. Tutto ciò che un UFO è è un oggetto volante non identificato. Sappiamo che vengono avvistate cose che non sappiamo cosa siano.

Cosa vedono probabilmente le persone quando pensano di vedere un UFO?

La stragrande maggioranza di tutti gli avvistamenti che chiunque abbia mai riportato o visto sono errori facilmente identificabili o confusione con corpi astronomici conosciuti o veicoli spaziali o aerei conosciuti. Un’enorme percentuale di avvistamenti UFO risulta in realtà essere il pianeta Venere, una sorta di oggetto inaspettatamente luminoso nel cielo. Un’enorme percentuale di avvistamenti UFO negli anni ’50 e all’inizio degli anni ’60 riguardavano l’aereo spia U2, che era un progetto segreto che era letteralmente un UFO. Era un aereo che non assomigliava agli aerei conosciuti che volavano ad un’altitudine alla quale non si sapeva che gli aerei volavano, a velocità a cui non si sapeva che gli aerei volavano. Un gran numero di avvistamenti UFO negli anni successivi sono stati effettuati da altri aerei spia segreti.

The Enticing Mysteries of U.F.O. Photography | The New Yorker

La domanda più interessante è: quali sono le cose che la gente vede e che il governo non sa veramente quali siano? Questa è una categoria che probabilmente coinvolge almeno quattro diverse fette di torta. Uno riguarda i fenomeni meteorologici, astronomici e atmosferici di cui non sappiamo abbastanza della scienza di base per capire veramente ciò che le persone riferiscono. E poi c’è una seconda categoria che è la tecnologia avversaria che viene testata contro di noi: droni russi, droni cinesi, droni iraniani. La terza categoria è costituita da cose strane a cui non prestiamo molta attenzione, come un pallone spia cinese . E poi la quarta categoria è la più interessante e la più strana: la categoria della fisica che ancora non comprendiamo. Quasi tutto quello che abbiamo imparato sulla fisica l’abbiamo imparato negli ultimi 100 anni, e c’è ancora moltissimo da imparare sul modo in cui funziona fondamentalmente l’universo.

MIGLIOR SITO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE AGLI UFO! PREMI QUI!

Quando è iniziata la fascinazione del pubblico americano per gli UFO?

L’era moderna degli UFO iniziò realmente nell’estate del 1947, quando si vide un’ondata di avvistamenti di questo fenomeno dei dischi volanti in tutto il paese. L’estate del 1947 contribuì davvero a lanciare questa più ampia fascinazione della cultura pop per gli UFO e i dischi volanti che diede origine a tutti i tipi di film dagli anni ’50 in poi. 

The UFO reports piquing Nasa's interest - BBC Future

Da dove viene il termine UFO?

I primi avvistamenti si concentravano su questa idea di un oggetto simile a un disco volante che volava nel cielo. Ciò, anche nei primi due anni di utilizzo popolare, fu ampiamente deriso e scherzato. Così, quando nel 1948/1949 il governo e l’esercito iniziarono a studiare e a pensare al fenomeno più seriamente, iniziarono a cercare di inventare un termine che fosse un po’ meno giudicante e un po’ più scientifico, se vuoi, e così finì con questo termine “oggetti volanti non identificati”. La cosa divertente è che negli anni e decenni successivi gli UFO sono diventati altrettanto stigmatizzati nelle conversazioni popolari. Così, quando l’esercito statunitense rilanciò un serio progetto sugli UFO negli anni 2000, lo ribattezzò UAP – “fenomeno aereo non identificato” – che era un termine che voleva sia catturare l’idea che potrebbero non essere oggetti che le persone potrebbero vedere, cose che sono fenomeni, non oggetti.

Group investigates mystery triangle UFO spotted above U.S. marine base

Quanto ha influito la Guerra Fredda in tutto questo?

La storia dell’iniziale fascinazione dell’America per gli UFO è in gran parte una storia delle prime ansie della Guerra Fredda. La nostra preoccupazione iniziale come governo e come militare era in realtà meno che questi [UFO] fossero alieni venuti sulla terra. Gli Stati Uniti stavano costruendo il loro primo programma missilistico sulle spalle di tutti questi scienziati missilistici nazisti catturati, e la nostra paura iniziale era che i sovietici avessero catturato il proprio gruppo di scienziati missilistici e stessero costruendo i propri aggeggi missilistici.

Hai notato qualche somiglianza tra ciò che ha guidato le teorie del complotto sugli UFO nel corso degli anni e ciò che ha guidato le teorie del complotto politico?

Nel libro parlo molto di Bill Cooper, che è uno dei principali cospirazionisti sugli UFO negli anni ’80, ma poi si sposta nei circoli di notizie e cospirazioni di destra e diventa uno dei mentori e delle ispirazioni più importanti per Alex Jones, il conduttore radiofonico. C’è una linea abbastanza chiara che puoi trarre dalle teorie della cospirazione sugli UFO fino al 6 gennaio.

C’è stato un certo programma televisivo o film che ha contribuito maggiormente a plasmare la concezione popolare degli UFO?

Sicuramente gli X-Files degli anni ’90 rappresentano una vera svolta. Ciò che risalta davvero è l’idea che il governo stia nascondendo qualcosa, questa idea che il governo sappia di più sulle origini degli UFO o sui contatti con altre civiltà di quanto ci viene detto. Questo è un tema che emerge presto e con forza in X-Files e da allora ha fatto molto per modellare la concezione pubblica di una cospirazione governativa e di un insabbiamento.

How Local Governments Can Help Us Better Understand UFOs

Chi è stato il politico più favorevole agli UFO?

L’era moderna della ricerca sugli UFO non esisterebbe senza il senatore Harry Reid. Molti presidenti diversi hanno avuto un ruolo nella storia. Gerald Ford, quando era leader della minoranza alla Camera, in realtà spinse per le prime udienze del Congresso sugli UFO perché rappresentava un distretto del Michigan che ebbe un’ondata di avvistamenti alla fine degli anni ’60. Bill Clinton ha spinto a rendere pubblica parte della conoscenza del governo sugli eventi intorno a Roswell ed è stato anche un sostenitore degli sforzi della NASA per studiare e scoprire la vita oltre la Terra. Non penso che abbiamo visto un presidente che abbia davvero abbracciato questo argomento o che lo abbia portato avanti in tutti i modi in cui un presidente può o potrebbe abbracciare questo argomento, ma questa storia interseca la Casa Bianca molto più spesso di quanto si pensi.

E gli alieni?

Credo che, quando si guarda alla matematica, le probabilità siano incredibilmente alte che ci sia vita altrove nell’universo. In realtà le probabilità sono ancora piuttosto alte che ci sia vita intelligente altrove nell’universo. I conti diventano davvero impegnativi su quanto sia lontana probabilmente la vita intelligente da noi. Esiste vita intelligente altrove nell’universo, ma è troppo lontano perché noi possiamo avere un contatto significativo o avere l’opportunità di visitarlo? In che modo ciò cambia la nostra comprensione del nostro posto nell’universo? Queste sono questioni filosofiche e spirituali molto più profonde e complesse. Ma i conti sono certamente dalla parte degli alieni.

La ricerca dell’intelligenza extraterrestre, direi, è criminalmente sottofinanziata in termini di priorità di spesa nel governo degli Stati Uniti. Ed è difficile pensare a un’area in cui le risposte potrebbero essere più interessanti e più profonde.

Acquista il libro più completo su tutti i misteri italiani e nel mondo premendo qui!

Condividi la notizia!