Giugno 21, 2024

donovanrossetto.it

Il sito ufficiale del noto "The Journalist" Italiano Donovan Rossetto

La teoria delle stringhe spiegata a un bambino

Immagina che tutto quello che vedi intorno a te – i giocattoli nella tua stanza, il tuo gelato preferito, persino il sole nel cielo – sia fatto di tanti piccoli fili tremolanti, così piccoli che nessuno può vederli, nemmeno con il microscopio più potente.

Questi fili invisibili si chiamano “stringhe”, e alcuni scienziati pensano che siano il segreto di tutto nell’universo.

La “teoria delle stringhe” è come una favola scientifica che cerca di spiegare come ogni cosa è connessa. Secondo questa teoria, se potessimo suonare queste stringhe come una chitarra, ogni corda emetterebbe una nota diversa, e queste note sono le particelle che formano tutto ciò che esiste. Alcune particelle sono leggere come una piuma e fluttuano in giro, come le particelle che formano la luce. Altre sono pesanti e si muovono lentamente, come quelle che formano le rocce e le montagne.

String theory used to describe the expanding universe - Advanced Science  News

Le stringhe possono vibrare in modi diversi, e il modo in cui vibrano decide cosa diventano – un po’ come quando disegni con le matite colorate e scegli se fare un cerchio rosso o un quadrato blu. La teoria delle stringhe ci dice che ci sono molte dimensioni nascoste che non possiamo vedere, proprio come ci sono pagine in un libro che non abbiamo ancora aperto.

Questa idea è ancora solo una teoria, che significa che gli scienziati stanno ancora cercando di capire se è vera o meno. Ma è una bella immagine da immaginare, non è vero? Che l’intero universo sia una sinfonia gigante, con ogni cosa collegata da fili musicali troppo piccoli per essere visti.

La teoria delle stringhe spiegata ad un bambino da Sheldon Cooper

Saluti, giovani menti curiose! Il vostro amico Sheldon Cooper qui, pronto a guidarvi attraverso la fantastica selva delle particelle elementari e le loro vibrazioni, conosciute come la teoria delle stringhe. Ora, sedetevi, rilassatevi e preparatevi a navigare nell’oceano infinito dell’infinitamente piccolo.

Pensate a tutto ciò che potete toccare, annusare, gustare e vedere come se fosse composto da minuscoli, invisibili spaghettoni vibranti. Questi “spaghettoni”, o come preferisco chiamarli, super-stringhe, sono le fondamenta del nostro universo – il Lego con cui è costruito tutto, dal gelato alla menta al vostro action figure preferito.

The Man Who Gets The Science Right On 'The Big Bang Theory' : NPR

Nel mondo di Sheldon, queste super-stringhe non suonano solo una nota, oh no. Possono suonare l’intera gamma dell’orchestra cosmica. Come un violino può produrre un do oppure un re a seconda di come lo si pizzica, una stringa può trasformarsi in una particella o in un’altra, semplicemente cambiando il modo in cui vibra. E se pensate che questo sia sorprendente, le stringhe possono esistere in più di tre dimensioni. Abbiamo dimensioni extra nascoste ovunque intorno a noi, ma sono così piccole che non possiamo vederle o sentirele.

Why The Big Bang Theory's Sheldon Cooper Gave Up on String Theory | by Paul  Austin Murphy | Paul Austin Murphy's Essays on Philosophy | Medium

Ora, alcuni dei miei colleghi scienziati ancora dibattono sull’esistenza di queste stringhe, perché, a differenza delle mie battute, non possiamo osservarle direttamente. Tuttavia, ci aiutano a capire le regole che governano l’universo, proprio come le regole di un gioco da tavolo. Senza regole, non c’è ordine, senza ordine, non c’è scienza, e senza scienza, beh, non ci sarebbe “Doctor Who”.

In conclusione, la teoria delle stringhe è come un gioco magico di nascondino dove tutto quello che esiste ha una stringa segreta che aspetta di essere scoperta.

E forse, un giorno, uno di voi potrebbe essere il prossimo Sheldon Cooper e trovare quelle stringhe.

Condividi la notizia!