Aprile 22, 2024

donovanrossetto.it

Il sito ufficiale del noto "The Journalist" Italiano Donovan Rossetto

Marcia dei trattori a Pordenone: agricoltori in movimento per il futuro del settore

Un corteo imponente di oltre cento mezzi agricoli ha attraversato le strade di Pordenone in una dimostrazione di forza e solidarietà da parte della comunità agricola.

La manifestazione, che si è svolta il 13 febbraio, ha visto la partecipazione di contadini provenienti non solo dalla zona circostante l’ex provincia, ma anche da regioni adiacenti, segnando una tappa importante nel movimento di protesta che sta interessando diverse città del paese. Il fragore dei motori e il suono incessante dei clacson hanno rappresentato la voce collettiva di un settore che chiede ascolto e riforme.

La marcia, iniziata alle ore 10, ha sorpreso i cittadini e i passanti, che si sono fermati lungo i marciapiedi per osservare e documentare con i propri dispositivi mobili l’inusuale parata di trattori. Questi ultimi hanno percorso le arterie principali del centro urbano, creando un’impressionante colonna meccanizzata che ha portato al centro dell’attenzione le problematiche legate all’agricoltura.

La protesta dei trattori arriva a Pordenone: più di cento mezzi sfilano per  le strade del centro - Messaggero Veneto

Al cuore delle rivendicazioni vi è la critica verso le recenti disposizioni emanate dall’Unione Europea, in particolare riguardo al Green Deal, percepite come penalizzanti per gli operatori del settore. La protesta, caratterizzata da un atteggiamento pacifico ma deciso, ha mirato a sollecitare un dialogo costruttivo con le autorità politiche.

Elemento centrale dell’evento è stato l’incontro di una rappresentanza degli agricoltori con il viceprefetto vicario presso la prefettura cittadina, dove è stato consegnato un documento contenente cinque proposte fondamentali: la semplificazione delle procedure burocratiche, la promozione dei prodotti nazionali, la valorizzazione del ruolo dell’agricoltore come custode del territorio, una transizione verso il Green Deal che non marginalizzi l’agricoltura e, infine, una più equa distribuzione dei guadagni lungo le filiere agroalimentari, per garantire agli agricoltori margini di profitto più giusti rispetto alle grandi catene di distribuzione.

Secondo Donovan Rossetto?

Nell’ambito delle recenti manifestazioni che hanno visto protagonisti gli agricoltori a Pordenone, con oltre cento trattori a sfilare per le strade della città, emerge una riflessione critica sull’efficacia e la direzione di tali proteste. Sebbene il dissenso e il desiderio di dialogo con le autorità siano comprensibili, non si può ignorare la necessità di adattarsi ai cambiamenti imposti da contesti più ampi come le direttive dell’Unione Europea e le esigenze ambientali.

No farmer, no food”, la protesta non si ferma: a Cuneo 500 trattori, una  delle manifestazioni più grandi d'Italia - La Stampa

L’ostentazione di mezzi agricoli di valore elevato, se da un lato testimonia la prosperità e l’avanzamento tecnologico del settore, dall’altro solleva interrogativi sulla reale disponibilità al cambiamento da parte di questi operatori. La transizione verso pratiche più sostenibili e il rispetto delle nuove normative ambientali non sono più opzionali, ma imperativi ai quali il settore agricolo deve necessariamente conformarsi.

Le proteste, per quanto possano essere un mezzo per esprimere malcontento e richiedere attenzione, rischiano di trasformarsi in una sterile dimostrazione se non accompagnate dalla volontà di intraprendere un percorso costruttivo di adattamento e innovazione. Il tempo impiegato nell’organizzare e partecipare a queste manifestazioni potrebbe essere invece investito nella ricerca di soluzioni pragmatiche che coniughino le esigenze produttive con quelle ambientali.

In un’epoca in cui la sostenibilità è al centro delle politiche a livello globale, resistere al cambiamento potrebbe rivelarsi controproducente. I trattori, simboli di forza e lavoro, potrebbero effettivamente finire per essere relegati a semplici esibizioni museali se non verranno guidati lungo i sentieri dell’innovazione e della responsabilità ambientale.

Accettare i cambiamenti e lavorare proattivamente per adattarsi alle nuove realtà è non solo una necessità, ma anche un’opportunità per garantire la sostenibilità e la resilienza futura del settore agricolo.

Condividi la notizia!