Aprile 25, 2024

donovanrossetto.it

Il sito ufficiale del noto "The Journalist" Italiano Donovan Rossetto

Luna Park Udine: potrebbe intervenire l’esercito per prevenzione

UDINE – L’imminente apertura del Luna Park a Giardin Grande desta preoccupazioni tra i membri del comitato “Udine Sicura”.

Le apprensioni non derivano dall’attrazione in sé, ma dall’eventualità che l’area possa diventare teatro di risse e disordini, come accaduto in precedenza. Di fronte a una potenziale carenza di forze dell’ordine in grado di garantire la sicurezza nella piazza Primo Maggio, il comitato ha proposto, seppur con cautela, di considerare l’intervento dell’Esercito. Questa prospettiva di una possibile “militarizzazione” di Giardin Grande, tuttavia, solleva perplessità e non raccoglie consenso unanime.

In vista dell’arrivo delle giostre a Udine, le posizioni di Prefettura, Questura e del comitato “Udine Sicura” sembrano divergere nettamente riguardo alle questioni di sicurezza pubblica. Mentre le autorità locali mostrano un atteggiamento di moderata sicurezza, il comitato esprime serie preoccupazioni per l’ordine pubblico, sollecitando interventi concreti per prevenire episodi di violenza e criminalità associati alla stagione delle giostre.

Le giostre tornano a Udine, Piazza Primo Maggio diventa 'zona 30'

Autorità Locali: Una Gestione Equilibrata Il Prefetto Domenico Lione e il Questore Alfredo D’Agostino hanno condiviso una visione relativamente tranquilla, sottolineando l’importanza del divertimento per i giovani e la volontà di mantenere un controllo discreto sull’evento, senza predisporre un incremento significativo delle misure di sorveglianza.

Il Comitato “Udine Sicura”: Tra Preoccupazione e Richiesta di Azione Contrariamente, il comitato “Udine Sicura” manifesta una profonda inquietudine per le potenziali minacce alla sicurezza che l’arrivo del Luna Park potrebbe comportare, richiamando attenzione su episodi pregressi di violenza e su un apparente deterioramento del clima di sicurezza cittadino. La richiesta di un intervento visibile e costante, incluso l’ausilio dell’Esercito in mancanza di sufficienti forze dell’ordine, evidenzia la percezione di una situazione di urgenza.

Rissa al luna park a Udine, in venti lanciano sampietrini e usano le  cinture per colpire gli addetti alla sicurezza - Messaggero Veneto

Reazioni e Proposte Politiche La politica locale si è fatta portavoce di diverse reazioni e proposte. Antonio Pittioni di Fratelli d’Italia enfatizza la necessità di deterrenti adeguati, invocando una maggiore presenza della Polizia locale e l’utilizzo di unità cinofile. Francesca Laudicina della Lega, invece, rimarca l’importanza di rivolgersi ai responsabili della sicurezza urbana, in particolare al sindaco e al vicesindaco con delega alla Polizia municipale, per la definizione di un piano di sicurezza efficace.

La discussione sul bilanciamento tra sicurezza e divertimento si intensifica, con il comitato “Udine Sicura” che sollecita una presa di posizione chiara da parte delle autorità, mentre queste ultime e il mondo politico delineano strade possibili per un’intesa che protegga i cittadini senza soffocare le occasioni di aggregazione e gioia per la comunità.

La sicurezza al Luna Park diventa così specchio di una sfida più ampia: trovare l’equilibrio giusto tra libertà e controllo, felicità e responsabilità, nel tessuto urbano di Udine.

Condividi la notizia!