Aprile 25, 2024

donovanrossetto.it

Il sito ufficiale del noto "The Journalist" Italiano Donovan Rossetto

Trieste: la caccia a Unabomber si intensifica con nuove prove DNA

Tecnologie avanzate e richieste di prelievo DNA riaprono il caso degli attentati che hanno terrorizzato il Nord Est tra il 1994 e il 2006

Il mistero di Unabomber ritorna a dominare l’attenzione pubblica e giudiziaria a Trieste, con un nuovo capitolo che si apre nella lunga indagine su una serie di attentati che hanno segnato il Nord Est dell’Italia tra il 1994 e il 2006. La Procura di Trieste, non volendo tralasciare alcuna pista, si avvale di avanzate tecniche forensi per gettare luce su questo caso irrisolto, annunciando l’intenzione di acquisire il DNA di un gruppo di individui precedentemente sospettati ma non incriminati.

Riapertura del Caso e Nuove Tecnologie La decisione di riaprire le indagini arriva in seguito all’impulso dato dal giornalista Marco Maisano, insieme alle testimonianze di due vittime degli attentati, Francesca Girardi e Greta Momesso. Questi ultimi, dopo aver ottenuto l’accesso a certi reperti, hanno sollevato dubbi su possibili contaminazioni, spingendo per un nuovo esame del caso. La riapertura si focalizza sull’utilizzo di nuove tecnologie per l’analisi del DNA, che potrebbero fornire prove decisive per identificare il responsabile degli attentati.

La Prossima Udienza e le Implicazioni Legali Il tribunale di Trieste, con l’udienza programmata per il 18 marzo davanti al gip Luigi Dainotti, si appresta a valutare la richiesta di prelievo volontario del DNA dagli individui interessati. In caso di rifiuto, sarà considerata l’opzione del prelievo coatto, una misura che sottolinea la determinazione delle autorità di avanzare nell’indagine.

La Portata dell’Indagine La complessità del caso Unabomber è evidenziata dal coinvolgimento di diverse procure nel corso degli anni, da Pordenone a Trieste, e dall’ampio numero di investigatori che si sono succeduti. Il capoluogo giuliano, essendo l’ultimo distretto giudiziario a occuparsi del caso, ospita ora le figure chiave dell’indagine, tra cui il Procuratore capo Antonio De Nicolo e Federico Frezza.

L’Impronta di Unabomber Il fantasma di Unabomber, un attentatore la cui identità rimane un mistero, aleggia ancora sulle regioni di Veneto e Friuli-Venezia Giulia. Caratterizzato da una serie di attentati cruenti, spesso diretti contro bambini e camuffati da innocui oggetti quotidiani, il modus operandi di Unabomber ha seminato terrore e dolore, lasciando una cicatrice indelebile nelle comunità colpite.

L’Iniziativa di Marco Maisano La persistenza di Maisano nel cercare verità e giustizia per le vittime di Unabomber ha portato nuova luce sul caso attraverso il suo podcast “Fantasma – Il caso Unabomber”. Con un approccio investigativo minuzioso, Maisano ha esplorato le testimonianze, analizzato reperti e documenti, contribuendo significativamente alla riapertura delle indagini.

Condividi la notizia!