Aprile 25, 2024

donovanrossetto.it

Il sito ufficiale del noto "The Journalist" Italiano Donovan Rossetto

Trieste: notte di controlli intensivi, 15 patenti ritirate per guida sotto l’effetto di alcol e droghe

A Trieste, la sera del 22 marzo, un massiccio controllo stradale ha avuto luogo nella zona di Campo Marzio, culminando nel ritiro di 15 patenti di guida e nella decurtazione di 160 punti patente.

A partire dalle 22:45, gli automobilisti che si muovevano tra l’ultimo tratto delle Rive e il Passeggio Sant’Andrea sono stati sottoposti a un rigoroso alcoltest, in una operazione senza precedenti per la sua ampiezza e scrupolosità, coordinata dalla Questura e con la partecipazione congiunta di Polizia di Stato, Polizia Stradale, lo staff medico della Polizia di Stato, e la Polizia Locale.

Una delle novità di questo controllo è stata l’introduzione del “drogometro”, uno strumento capace di analizzare la saliva dei conducenti per identificare l’assunzione di sostanze stupefacenti quali oppiacei, metadone, anfetamine, cannabinoidi e cocaina. Questa tecnologia ha permesso di affrontare con maggiore efficacia la guida sotto l’influenza di sostanze alteranti, integrando i tradizionali test alcolici con un più ampio spettro di rilevazioni.

Durante l’operazione, 316 conducenti sono stati testati, con un bilancio finale che include due violazioni per guidare con un tasso alcolemico fino a 0,5 g/litro di sangue, sette per tassi tra 0,51 e 0,8 g/litro e otto per tassi tra 0,81 e 1,5 g/litro. Inoltre, tre automobilisti sono risultati positivi ai test per le sostanze psicoattive, tra cui una donna trovata positiva a THC, cocaina e anfetamine, mentre due uomini sono risultati positivi al THC.

La Polizia Stradale, con questo intervento, non mira solo a sanzionare ma anche a sensibilizzare la comunità sull’importanza della guida responsabile, evidenziando come l’alcol e le droghe compromettano significativamente la capacità di guidare in sicurezza. Gli effetti dell’alcol sul sistema nervoso centrale, come evidenziato dalle forze dell’ordine, includono un illusorio stato di euforia seguito da una diminuzione della reattività e della percezione visiva, elementi questi incompatibili con una guida sicura.

Condividi la notizia!